Shiatsu

Una tecnica per il benessere

autunno 13

Lo shiatsu è una tecnica dolce e profonda che regala benessere, agisce sull’energia vitale del corpo e affonda le sue radici nei principi della Medicina Tradizionale Cinese (MTC), che sostiene che l’uomo riassume in sé l’universo. Shiatsu è un termine giapponese composto da Shi, dito e Atsu, pressione; indica un trattamento manuale, le cui radici teorico-pratiche derivano dalle tradizioni filosofiche del lontano oriente. Si è sviluppato da antichissime tecniche di massaggio che in Giappone sono chiamate Anma e in Cina Anmo o Tuina. È un metodo che, attraverso l’applicazione di una pressione, promuove l’empatia tra il cliente e l’operatore e il processo di autoguarigione insito in ogni essere.

Scopo dello shiatsu è quello di preservare lo stato di salute della persona, risvegliando e armonizzando le funzioni energetiche e le risorse vitali profonde dell’individuo, avvalendosi di tecniche e principi ben precisi. Grazie al tocco, è attivato il meccanismo di autoguarigione nella persona che riceve il trattamento. Le pressioni ricevute, con i pollici, il palmo della mano o il gomito, risvegliano l’organismo, indirizzandolo verso una diversa consapevolezza del proprio stato.

Lo shiatsuka opera nella visione globale del cliente, stimolandone dunque le risorse vitali con specifici trattamenti personalizzati e favorendone una maggiore consapevolezza in rapporto a se stesso, allo stile di vita, all’ambiente che lo circonda e alle emozioni che lo accompagnano. Con il tocco dello shiatsu il corpo è portato ad attingere alla fonte del proprio potenziale di guarigione e ad attivare la saggezza che racchiude in sé. Grazie al tocco, la persona prende consapevolezza del proprio corpo e dei propri vissuti emozionali.

In particolare, il sistema limbico è direttamente influenzato dal tocco della pelle. Questo sistema è il magazzino di tutti i ricordi del passato e di tutte le idiosincrasie create dalle esperienze esterne fin dall’infanzia ed è in un certo senso la sede del sé inconscio. Stress, paura e ansia lo distorcono, reprimono le funzioni nervose autonome e la secrezione e riducono l’immunità alle malattie. Oltre a essere responsabile dell’agire istintivo e delle emozioni, il sistema limbico è profondamente connesso alle fibre nervose autonome. La meditazione orientale e i suoi diversi metodi per mantenere la salute sono ormai considerati strumenti validi per guarire la distorsione del sistema limbico.

Grazie alla pressione ferma e costante, lo shiatsu rilassa il paziente e ne rafforza le risposte e, contemporaneamente, elimina i disturbi in questa parte del cervello. Le tensioni nervose si manifestano come tensione muscolare, ma il rilassamento della pelle del corpo intero, indotto dallo shiatsu, genera una sorta di catarsi e la distensione dell’inconscio. Un effetto di questo tocco è la facilitazione nel cliente dell’insight sulle cause della sua sofferenza. Attraverso le pressioni sui meridiani, i clienti sono portati a sondare i propri problemi senza l’intervento delle parole.